Benvenuti in un nuovo post del nostro blog in cui spiegheremo cosa sono i terpeni. Il modo più semplice per capirlo è che sono responsabili dell'odore caratteristico di ogni pianta di marijuana, quindi sono decisivi nella scelta di nuove genetiche. Ma andiamo un po' più a fondo...

Cosa sono i terpeni?

Se parliamo in modo più scientifico, possiamo dire che i terpeni sono composti organici formati da atomi di carbonio e idrogeno, costituiti da una molecola chiamata isoprene di 5 carboni.

A seconda della quantità di isopreni, avremo terpeni diversi:

  • Monoterpeni: hanno 2 unità isopreniche e qui troviamo i ben noti mircene, limonene, pinene, terpinolene e linanolo.
  • Sesquiterpeni: composti da 15 carboni.
  • Triterpeni: composti da 30 carboni. Si trovano principalmente nelle radici, nelle fibre e nei semi della canapa.

Questi sono creati dai tricomi ghiandolari e la loro produzione aumenta con l'esposizione alla luce, accumulandosi in resina.

A cosa servono?

I terpeni sono concentrati soprattutto nei fiori delle piante femminizzate che non sono state impollinate e, a parte il loro odore, la loro funzione principale è quella di proteggere la pianta dagli agenti esterni (funghi, insetti, ecc.), anche se, come vedremo in seguito, esistono diversi terpeni con diverse funzioni aggiuntive.

A seconda della genetica e della coltivazione, i terpeni variano in qualità e quantità.

Quali sono i terpeni più conosciuti e quali sono le loro funzioni?

È stato scientificamente provato che gli oli essenziali (in cui si trovano i terpeni) della cannabis hanno qualità terapeutiche, soprattutto quelli a base farmacologica, quelli utilizzati in aromaterapia e anche a scopo terapeutico.

I più noti per le loro proprietà sono i monoterpeni, tra i quali troviamo:

  • Il mircene → può potenziare l'effetto rilassante delle varietà indica, può favorire il sonno e funzionare come rilassante muscolare.
  • Il pinene → può avere effetti antinfiammatori, può dilatare i bronchi e i bronchioli e può contribuire a migliorare la memoria.
  • Il limonene → può avere effetti ansiolitici e antidepressivi e può ridurre il bruciore di stomaco.
  • Linalolo → può avere effetti anestetici e analgesici.
  • L'eucaliptolo → può essere antiossidante, antibatterico e anticancerogeno.
  • Il cariofillene → può avere effetti analgesici, antinfiammatori e favorire la digestione.

Ad esempio, in un'analisi campione del nostro Lemon Trip abbiamo osservato che all'interno di questi famosi monoterpeni, abbiamo trovato una percentuale maggiore di limonene, seguito da mircene e linalolo, il che può darci indizi sui loro possibili effetti terapeutici insieme al resto dei componenti.

Oltre ai possibili effetti terapeutici dei terpeni in sé, possiamo parlare di un effetto entourage, cioè che questi stessi terpeni interagiscono con i cannabinoidi e i flavonoidi, poiché i cannabinoidi ci influenzano in modo diverso in assenza di terpeni, in modo che entrambi gli elementi abbiano un effetto catalitico l'uno sull'altro.

Cosa ne pensate di questo blog?

Se avete dubbi su quale dei nostri Positronics Seeds è la migliore per voi, contattateci asaremo lieti di aiutarvi.

Ci vediamo nel prossimo post di Positronics - bon appétit!

Torna all'elenco

Messaggi correlati

Lascia una risposta

Il vostro indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *.